lunedì 31 ottobre 2011

BUON COMPLEANNO A........

Oggi è il 31 ottobre e voglio fare i miei più cari auguri a Lorena, cara amica: per lei un mazzo di fiori, ma anche il mio affetto per la sua sincerità e per l'amicizia che sa mostrarmi.

Dunque, cento di questi giorni cara Lorena e che la tua vita possa scorrere con la dovuta serenità. 

***************
E poi c'è la mia nipotina che oggi compie gli anni:Erika.. mia cara "bimba", ricorderò per sempre l'emozione che provai quando ti vidi, appena nata, nella nurserie di Portoferraio: eri così piccina e tanto bella...certe cose non si possono dimenticare. 

http://www.alegrafica.net/Augurivale/Rosablu.gif
Che tu possa avere una vita gioiosa, sempre!
A entrambe anche Pallina dà il suo contributo!
 

domenica 30 ottobre 2011

LIETA E TRANQUILLA DOMENICA!

Anche questo fine settimana lo trascorriamo nella nostra casa di campagna a  St.Andrea, e con l'immagine di un angolo delizioso di questa località, vi invio un caro saluto e l'augurio di trascorrere tranquillamente la vostra giornata di Domenica... da parte mia cercherò di fare il possibile.


giovedì 27 ottobre 2011

IRENA SENDLER


Poco tempo fa( esattamente il 12 maggio del 2008 ) è venuta a mancare  una signora di 98 anni di nome Irena.
Durante la seconda guerra mondiale, Irena, ha ottenuto il permesso di lavorare nel ghetto di Varsavia, come idraulica specialista.
Aveva un ‘ulteriore motivo’.


Era al corrente dei piani che i nazisti avevano per gli ebrei (essendo tedesca).
Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi che portava nel retro del suo camion.
I bambini più grandi li nascondeva  con un sacco di iuta …
Teneva anche un cane nel retro del camion, che aveva addestrato ad abbaiare quando i soldati nazisti entravano e uscivano dal ghetto.
I soldati, naturalmente, temevano il cane e il suo latrato copriva il pianto dei bambini.
Durante tutto questo tempo, è riuscita a salvare 2500 tra  bambini e neonati.
Fu catturata, e i nazisti le ruppero entrambe le gambe e le braccia , picchiandola selvaggiamente.
Irena tenne un registro dei nomi di tutti i ragazzi che clandestinamente aveva portato fuori dai confini e lo teneva in un barattolo di vetro, sepolto sotto un albero nel suo cortile.
Dopo la guerra, cercò di rintracciare tutti i genitori che potessero essere sopravvissuti per riunire le famiglie.
La maggior parte di loro erano stati gasati. Irena ha continuato a prendersi cura di questi ragazzi, mettendoli in case famiglia o trovando loro famiglie affidatarie o adottive.
L’anno scorso Irena è stata proposta per il Premio Nobel della Pace.
Non è stata nominata.
http://www.thejcconline.com/wp-content/uploads/2010/05/irena-sendler.jpg


IN MEMORIA – 63 ANNI DOPO

Ho ricevuto questa mail da una cara amica, e anziché rinviarla via mail, ho pensato di pubblicarla qui consapevole che poi si vedrà anche su Facebook.  Credo così di fare  la mia piccola parte per l’inoltro di questo messaggio: spero che farete anche voi la vostra ..
Sono trascorsi ormai più di 60 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale.
Questa mail viene inviata in memoria dei sei milioni di ebrei, 20 milioni di russi, 10 milioni di Cristiani

e 1900 preti cattolici  che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati,
morti di stenti e umiliati!

È di importanza fondamentale che il mondo non dimentichi mai, affinché una tale barbarie non accada mai più.
Questa mail ha lo scopo di raggiungere 40 milioni di persone in tutto il mondo!
Cerchiamo di diffonderla come meglio si può: grazie!

mercoledì 26 ottobre 2011

IL MIO VOLO

Volerò
come ape che sugge il miele

Da crisalide
sarò farfalla
Le mie ali mischierò a mille fiori

Volerò
come  rondine turchina al  nido

Come aquila
salirò sulle innevate cime

Planerò
come gabbiano
su oceani sconosciuti

Volerò
...........
Punterò diritta verso il  cielo
e
come Angelo
sarò con Dio

23/10/ 2011

lunedì 24 ottobre 2011

LA MOSCA COCCHIERA

Fino a qualche tempo fa, avevo l'abitudine  di mettere da parte  trafiletti di curiosità,  di notizie varie e delle più disparate  informazioni, che trovavo sulla Settimana Enigmistica o su Domenica Quiz... e tra questi oggi ho trovato: 
" E' detta mosca cocchiera  quella persona che pretende di porsi a guida di altri o di assumersi poteri e responsabilità che non le competono o che non è in grado di portare avanti.
  Da cosa ha origine questa locuzione?"

Ebbene, la locuzione prende origine dalla favola di Fedro che  voglio proporre: 


LA MOSCA E LA MULA
 

 C'era una volta una mosca che se ne andava ronzando qua e là senza una meta precisa: scorta una mula che trainava un carro si diresse verso di lei e si poggiò sul timone dello stesso carro ... dopo poco sussurrò alla mula" Come sei lenta!!!! è mai possibile che tu non possa andare più in fretta? vedi che ti punzecchio il collo col mio stiletto se non ti muovi!!!"
Ma la mula non le badò affatto e proseguì alla stessa andatura.
La mosca, molto seccata da quella indifferenza, riprese a punzecchiarla; alla fine, la povera bestia, non potendone più di quell'arrogante "cocchiere", rispose: "Parla pure finché vuoi, tanto non sei certo tu a farmi paura, bensì è quello che regge le mie briglie e mi frusta se non lo ascolto... perciò smetti, lo so da me quando aumentare la velocità!!!!"



°°°°°°°°°°°°°

Piuttosto attuale questa favola, non trovate.?.. quante sono le mosche cocchiere, arroganti e presuntuose,  che vogliono trainare il carro-Italia!!! 
Una curiosità un po' cattivella: stavo cercando in rete un'immagine che si adattasse alla favola: ho lanciato la ricerca con le parole "mosca cocchiera" .... lo sapete che tra le varie foto c'era anche quella del "cavaliere"? Mah?!?!?!

domenica 23 ottobre 2011

EVVIVA! POSSO PORTARVI CON ME..........

Sono a Sant'Andrea e, novità piacevole per me, ho la possibilità di collegarmi... ne approfitto per augurare a tutti i miei cari amici una Buona Domenica, con una bella giornata di sole, anche se, in molte parti d'Italia, Elba compresa, forse sarebbe auspicabile un po' di pioggia... certo non un rovescio che arrechi danni, ma una pioggia salutare ed utile alla terra .... anche a quella del mio giardino!

Immagine trovata in rete

martedì 18 ottobre 2011

VISIONE D'AUTUNNO



Come stanche farfalle
danzano spinte dal vento
le prime foglie cadute


Dorate, scarlatte 
nel turbinio
paiono bimbi di un giocoso girotondo

Voci vaganti
............
 inseguono gli ultimi voli


Fugaci pennellate, le nubi
tingono il cielo di piombo


Autunno giunge
in un singulto di pioggia lontana
con pallide aurore 
e languidi tramonti di un tepido sole........



Immagine trovata in rete. 
Poesia del 10.10.2011


giovedì 13 ottobre 2011

VOLONTARIAMENTE

La mia vicina di casa, un'anziana signora, mi ha portato un foglietto, ingiallito ma  ripiegato con cura  dicendomi"Leggilo!"  L'ho trovato gustoso: fa riferimento al nostro passato, ad un passato dei momenti bui...  e sono certa che chi ha qualche anno più di me si identificherà in chi  ha scritto... ma credo che anche chi ha la mia età o chi è anche più giovane, in un certo senso possa ritrovare qualche aggancio con certe  realtà italiane.

Voglio proporvi dunque la  lettura di questa sorta di poesiola, o filastrocca che dir si voglia:


Questa parola"Volontariamente"
che ha fatto scimunire tanta gente,
trattenendo la stizza ed il tormento,
sono circa vent'anni che la sento...

Vent'anni che la leggo nei giornali
nei libri, nelle scuole e nei locali,
vent'anni di fregata con i guanti
a quaranta milioni di abitanti....

Oggi si può parlare apertamente
e voglio farlo"volontariamente"
per dire quello che ho sofferto ieri
senza paura dei carabinieri.

Il mio stipendio, ad ogni fine mese
è stato sempre denso di sorprese...
ma ho dovuto subire sorridente
perché subivo "volontariamente"..

Con l'incetta del rame, il ferro e l'oro
non c'è rimasto manco un pomodoro...
ma il popolo, fremendo inutilmente,
ha dato tutto.... "volontariamente".

Poi ci fu, con manovra assai simpatica,
la famosa campagna demografica
che spingeva la gente lestamente
a fare figli "volontariamente"...

E la gente, sperando in un sussidio,
all'orlo della fame e del suicidio,
si mise sotto con la schiuma ai denti

Ed ogni mamma con un'aria cupa,
per registrare il figlio della Lupa,
pagava cinque lire solamente,
e le pagava...."volontariamente"...

La gente che batteva i marciapiedi
e che la fame non reggeva in piedi,
girava per le strade mestamente,
ma lo faceva "volontariamente".

Dovevo congedarmi nel '38
ma siamo giunti quasi al '48...
e sono ancora qui.. naturalmente
perché ci resto "volontariamente"!

Per sfuggire alla tassa-celibato,
sono stato ammonito e denunziato
e ho dovuto pagare prontamente
e, come sempre, "volontariamente".

Ogni tanto sborsavo un soldarello
che davo a pro di questo o pro di quello
ma questi pro, parlando con creanza,
erano a pro di questa o l'altra panza!

In mezzo a quel confuso "magna magna"
scoppiò la guerra santa della Spagna
e il popolo bloccato eternamente
prese il fucile "volontariamente"...

M'hanno imposto di odiare l'Inghilterra
ed ho saputo poi, naturalmente,
d'averlo fatto "volontariamente".

Ho vissuto vent'anni da pezzente 
ed anche questo"volontariamente"
ma  vorrei mi venisse un accidente
se qui mi trovo "volontariamente"...

La gente che s'ammazza inutilmente
ma che s'ammazza "volontariamente"
forse chissà, la pensa come me,
che sta crepando ma non sa perché.


lunedì 10 ottobre 2011

DANZA PER ME





 Sbianca il tuo viso
e danza per me
piccolo, semplice, dolce Pierrot......

Volteggiami attorno
senza pensare
"La vita è breve 
ma viver si deve....."

Riga la guancia
una lacrima lieve
Non ci badare 
e danza con me.....

non smettere mai
caro,
triste
amico di sempre.

 °°°°°°°°°°°

venerdì 7 ottobre 2011

ADDIO MISTER JOBS

Sento doveroso un saluto a Steve Jobs, un personaggio da ammirare sotto ogni punto di vista.

La sua genialità è entrata in casa nostra dal gennaio del 1991, quando mio marito decise di acquistare il Mac SI per i nostri figli, per la nostra famiglia, nonostante tutti lo sconsigliassero perché saremmo stati in un certo senso isolati dato l'uso quasi universale dei PC di casa Microsoft... poi fu la volta del Mac Power PC ed infine il Mac Mini... Chi conosce i computer della Apple si rende conto di essere di fronte ad un mondo molto speciale.... io non sono in grado di parlare tecnicamente, lo so bene, ma avendo usato anche computer di altro genere nel periodo in cui lavoravo, ho capito il divario  tra mondo Apple e mondo  PC.

Voglio ricordare Steve Jobs con le parole che pronunciò nel 2005 a Stanford "Siate affamati. Siate folli"...... ai ragazzi che si radunarono per ascoltarlo, seppe dire  quello che un ragazzo a 20 anni vorrebbe sentirsi dire:" non mollare il tuo sogno". 
" Il vostro tempo e' limitato, percio' non sprecatelo vivendo la vita di qualcun'altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora piu' importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto e' secondario."

Si è verificato un errore nel gadget