mercoledì 29 aprile 2009

"SILENZIO"


Ascolta il silenzio:
racconta di pace,
sospiri, tormenti,
di gioie, d'incanti e di sorrisi.

Ascolta: è un dolce suono d'arpa;
ai tuoi occhi
un mondo di meraviglia appare,
penetra il cuore,
sconvolge la mente,
ammalia il tuo sonno.

Parla il silenzio,
ed è assordante di echi lontani,
un incantevole frastuono musicale...

E densa una nebbia sale,
avvolge ricordi, sogni,
stupende sensazioni..
tutto si attenua,
si vela, scompare...

Come canne al vento,
in un fruscio dorato,
mille pensieri salgono al cielo.
Sogna,
abbandona l'anima,
in quel soave mare di nulla...
e in quella voce lieve,
riposa la tua mente,
gioisci di quella pace infinita.

venerdì 24 aprile 2009

GRAZIE!!!!

Carissimi Amici, approfitto di questo momento in cui mi sento un po' meglio, per scrivere un piccolo messaggio in risposta ai numerosi e dolci messaggi che ho ricevuto da voi in questi giorni!Siete stati meravigliosi: tutti tutti, fino a farmi commuovere.
Vi ho sentito tutti molto vicini: mio figlio mi aggiornava via via e prima di partire vi ha anche lasciato un messaggio di ringraziamento .
Sarei stata felice di dare una risposta ad ognuno di voi ma non voglio approfittare e spero che mi perdonerete.
Dunque, questo piccolo intervento me lo aspettavo un po' diverso... tutti mi dicevano che si sarebbe risolto in un baleno ed io credevo che già al terzo giorno avrei potuto saltare come un "grillo".. il fatto è che, l'intervento in sé non è stato difficile; mi hanno tolto un bel calcolo che mi sono portata a casa per.... ricordo?!?
sono riusciti ad asportarmi la cistifellea che già si era inspessita e hanno tagliuzzato qua e là ( lì dentro... piloro ..aderenze ...e altro che non ricordo con esattezza)..quando mi hanno riportata in camera avevo difficoltà di respirazione; con l'ossigeno si è risolto ed il giorno dopo, sono tornata a casa!!
Ma il respiro ! mi affannavo con niente... questa cosa ci ha spaventati un po' ! Da ieri ho iniziato ad assumere un antibiotico e devo dire che oggi l'affanno è notevolmente diminuito.... spero con tutto il cuore di essere sulla via di ritorno e che presto, questo periodo sarà solo un brutto ricordo. Inoltre penso che in confronto ad altri problemi il mio è del tutto irrilevante, perciò, stringiamo i denti e..ANDIAMO AVANTI!!
Nei giorni prossimi spero di riprendere la cara abitudine di venire a trovarvi per lasciarvi un mio pensiero: nel frattempo vi abbraccio tutti forte forte,con tanto tanto affetto.

domenica 19 aprile 2009

UN SALUTO

Voglio lasciare il mio saluto a chi in questi prossimi giorni entrerà nel mio mondo: avrete già notato che da un po' di tempo non sono presente come prima; da settembre ho diversi disturbi dovuti a calcolosi della cistifellea. Per ritrovare una certa normalità ho deciso di farmi operare e lunedì mi ricovero per affrontare questo intervento!
Non è una operazione difficile, è quasi sicuro che sarà eseguita in laparoscopia e quindi potrei anche uscire la sera stessa di lunedì ma non so quando potrò starmene ancora qui, tranquillamente seduta a girare tra un blog amico e l'altro.
Lascio il mio abbraccio a tutti i cari amici salutandoli con tanto affetto: a Pallina lascio l'incarico di fare gli onori di casa.

mercoledì 15 aprile 2009

"SIGNORI SI NASCE ED IO....."


.... lo nacqui,modestamente!"
...e lo nacque.... il 15 febbraio del 1898, nel rione Sanità, in seguito ad una relazione di sua madre, Anna Clemente, con Giuseppe de Curtis, figlio del marchese de Curtis che si oppose alle nozze.
Nasce con il nome di Antonio Vincenzo Stefano Clemente: nel 1921 la madre si sposa con il de Curtis che solo nel '37 lo riconosce come suo figlio.
Nel frattempo lo aveva adottato il marchese Francesco Maria Gagliardi Focas e, nel '45/46 il tribunale di Napoli gli riconobbe il diritto di attribuirsi il nome della casata ed i titoli: così egli divenne: Antonio Focas Flavio Angelo Ducas Comneno De Curtis Di Bisanzio Gagliardi, altezza imperiale, conte palatino, cavaliere del Sacro Romano Impero, esarca di Ravenna, duca di Macedonia e di Illiria, principe di Costantinopoli, di Cilicia, di Tessaglia, di Ponto, di Moldavia, di Dardania, del Peloponneso, conte di Cipro e d'Epiro, conte e duca di Drivasto e di Durazzo.
Ma non ritengo necessario ricordare la sua vita nè le tappe della sua carriera, dal momento che penso che chi lo ha amato sa di lui tutto quel che c'è da sapere.

Oggi, 15 aprile 2009 ricorre il 42° anniversario della sua morte e lo voglio commemorare con la sua celebre poesia:
'A livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"





lunedì 13 aprile 2009

VOGLIA DI RICORDI




Ricordo, con quel piacere sottilmente nostalgico, la gioia con cui partecipavo alla gita di Pasquetta: si riunivano le famiglie dei fratelli della mia mamma, i miei genitori , i nonni ; tutti andavamo a fare quella meravigliosa passeggiata che per me significava vedere tanti bei fiori e coglierne qualcuno, giocare con le cuginette, ascoltare quelle bellissime vecchie canzoni che cantavano i miei zii, qualcuno aveva la chitarra: era una festa tutta nostra ..... e quando a sera rientravo a casa, con babbo e mamma, mi piaceva ripensare a quella splendida giornata, riparlarne con loro e desiderare che l'anno dopo si facesse di nuovo!..
ma giunsero anche gli anni in cui alcune di quelle persone non c'erano più e quella festa non ebbe più quel dolce sapore di innocenza.




DESIDERIO DI AZZURRO

Un tempo,
avevo le ali
per volare
libera,
azzurra,
tra nuvole d'immenso.

Come farfalla,
di fiore in fiore,
soavi
profumi coglievo
e fresca rugiada
rubavo.

Per culla avevo nidi di usignolo
e al lume delle lucciole sognavo;
al mattino,
garrula rondine tornavo,
e giochi, e risa, mi erano compagni..

°°°°°°°°°°°°°°°


domenica 12 aprile 2009

PASQUA


"PASQUA D'ALTRI TEMPI "

Tu pensi ai tempi andati
quand'eri ancor bambina
e il cuoricino tuo s'emozionava

per una tavola imbandita
con uova colorate fatte

da mamma tua,
con fior di primavera

con dolci e cioccolata.


Per l'aria odor di fiori
e suoni di campane,
un senso d'allegrezza
tutta ti dominava
...................
...................

Ho trovato per caso questa poesia di Antonino Zambotti e ne ho riportato alcuni versi che sento molto vicini.
Mi sono ritrovata a ripensare a quando ero bimba e a come aspettavo la Pasqua: c'era una gioia molto particolare, diversa dalla gioia che mi dava il Natale; c'era quella sensazione di nuovo, quei profumi unici della Primavera, le belle giornate, le rondini, quell'andare in chiesa con i miei genitori, nella Settimana Santa, e l'attesa del suono delle campane... tutte cose che ricordo con piacere e per le quali provo una certa nostalgia.
La mattina di Pasqua poi era consuetudine la colazione: cioccolata in tazza con fette di quella schiaccia che si usa preparare nei giorni precedenti, non troppo dolce e profumata di anice e acqua di rosa; le uova sode, benedette, ... ero tutta elettrizzata!
Poi, con il vestitino nuovo, andavo con il mio babbo a far benedire l'uovo di cioccolata in chiesa dove c'erano tanti altri bambini; nella piazza di fronte la chiesa c'era sempre un fotografo pronto a scattare le foto con noi bambini sorridenti, ognuno con il proprio uovo....usanze passate, perdute, che oramai nessuno più conserva, e forse, è un peccato.
Altri tempi che non tornano più.
I nostri bimbi hanno perduto la gioia che noi avevamo per le piccole cose ed è un po' anche colpa nostra oltre che del mondo che è cambiato e riserva loro più eventi tristi che lieti.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Quest'anno la Pasqua, nel nostro Paese, ha un sapore triste, sa di lacrime e disperazione.
Spero soltanto che chi ha perduto persone care riesca a trovare un senso di pace nella preghiera e nell'affidarsi a Gesù che tanto ha sofferto per tutti noi e che oggi è risorto per tutti noi.
Con questo pensiero auguriamoci tutti una Pasqua serena , da trascorrere con i propri cari pensando all'immensa fortuna che abbiamo e alla quale spesso non si pensa.


UNA SERENA PASQUA A TUTTI
E
TANTA PACE NEL CUORE

venerdì 10 aprile 2009

"DOLORE"

Oggi, Venerdì Santo, Venerdì di Passione e di immenso dolore per le persone che nei giorni scorsi hanno perduto affetti cari ed insostituibili... una piccola poesia di mio padre che, nella sua essenza, ha un segno di speranza; la dedico a chi ha conosciuto il dolore e ne ha fatto tesoro per essere migliore.


Grazie alla vita
per avermi insegnato
a sopportare e conoscere
il dolore.
Ben poco conoscevo
ora so molto.
So indovinare
la sofferenza altrui
so consolare
e questo è grazia
è dono
sublime.
Nulla avvicina
quanto indovinare
una pena nascosta...
Un mondo di grandezza
si rivela:
è nel dolor
l'essenza della vita.

Poesia di Santino P.d.V.
************

mercoledì 8 aprile 2009

ALMENO UN PICCOLO RICORDO..

So che non è il momento giusto per pensare a cose liete, ma nel mio cuore oltre alla tristezza di quanto ancora sta accadendo in Abruzzo, c'è, quasi a dispetto,il pensiero del giorno più felice della mia vita:
l'8 aprile del 1978 iniziammo a percorrere un cammino che dura ancora oggi....... e spero sia per sempre.

lunedì 6 aprile 2009

SOLIDARIETA'


RIPORTO L'ANNUNCIO CHE HO TROVATO NEL BLOG DI STELLA E ANCHE DI ALTRI AMICI... FRA TUTTI, OLTRE A PREGARE PER QUEI NOSTRI FRATELLI IN GRAVE DIFFICOLTA', UN PO' D'AIUTO LO PORTEREMO...


La Croce Rossa Italiana lancia "un appello di emergenza a livello nazionale, chiedendo a tutta la popolazione di partecipare ad un grande sforzo di solidarietà per alleviare la sofferenza di tutte le vittime del terremoto che ha colpito la regione Abruzzo".

Per effettuare donazioni alla Croce Rossa Italiana si possono utilizzare: il Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso Banca Nazionale del Lavoro-Filiale di Roma Bissolati - Tesoreria - via San Nicola da Tolentino 67 - Roma, intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020, causale pro terremoto Abruzzo; il Conto corrente postale n. 300004 intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT24 - X076 0103 2000 0000 0300 004, causale pro terremoto Abruzzo. E' anche possibile effettuare dei versamenti online, attraverso il sito web della Cri all'indirizzo: [www.cri.it]

sabato 4 aprile 2009

SENSAZIONI


Polvere di luna,
infinità di luce,
sogno d'eterno,
ricordo di pace,
darsi al vento come piuma...
attimi d'incanto,
impalpabili profumi,
ombre fugaci,
melanconia dolcissima
di un'oasi d'amore,
rabbia d'intensi sapori,
estasi d'immenso..
...dolce abbandono.

Poesia del 18.10.1970

giovedì 2 aprile 2009

ALDO FABRIZI: IL CANTORE DI ROMA



Era nato il I° novembre del 1905 a Roma e nella stessa
città è morto il 2 aprile del 1990.


°°°°°

Un attore che amavo molto vedere nei film comici, specialmente quando
recitava in coppia con Totò:
"Guardie e ladri" e "I tartassati" sono
due esempi di comicità esilarante.
Ma era un interprete di prim'ordine anche nei film drammatici: uno su tutti "Roma città aperta", capolavoro di Rossellini che lo vide a fianco della grande Anna Magnani.

Provavo per lui, così pacioso e benevolo, una
sorta di affetto come si prova verso un nonno o uno zio caro. E quando venne a mancare provai molto dispiacere.
La sua era una comicità semplice ma acuta: sapeva dipingere perfettamente quelli che erano i difetti e le debolezze di certe persone.
Sapeva scherzare su tutto, anche su sé stesso e sulla sua corpulenza dovuta alla sua passione per preparare e gustare il cibo.

Questa sua passione la riversò nei tre libri di raccolte di ricette e poesie: "La pastasciutta", "Nonna Minestra" e "Nonno pane".

Dal libro"Nonna minestra" è tratta la poesia con cui lo voglio ricordare :
è scanzonata, com'era lui, evocativa di un tempo in cui non si faceva storie al tavolino, e quello che la mamma metteva nel piatto, si doveva mangiare..... se non si voleva andare a letto.... senza cena!!

ER SECONDO PIATTO

Eccheve er pranzo mio da ragazzino:
acqua a bizzeffe, un filoncino asciutto
e 'na minestra che valeva tutto
specie si ce spezzavo er filoncino.

Nun c'era mai 'na lagrima de vino,
'na pastarella, un gelatino, un frutto,
e in corpo ciavevamo un tritatutto
che se sarvava solo er tavolino.

Ma un giorno mamma, doppo avecce fatto
un chilo de patate arosolite
ce disse:"D'ora in poi, secondo piatto!"

Allora non s'usava la protesta...
però per evita' qualunque lite
ce le contò sur piatto, tante a testa.





°°°°°°°°°XOXOXOXOXOXOXOXOX°°°°°°°°°
°°°°°°°°°°


mercoledì 1 aprile 2009

APRILE


Il nome di questo mese tanto atteso ed amato viene da aprire, perché tutto si apre al suo arrivo: la terra,che si rinvigorisce; i fiori,che sbocciano; gli involucri degli insetti, che escono e mettono le ali.
E' tutto un rifiorire, un rinascere, un movimento quasi convulso...anche se quest'anno, il tepore che ci si dovrebbe aspettare, tarda notevolmente.
Aprile mi riporta con la mente ai banchi di scuola:sempre c'era da imparare una graziosa poesiola oppure, la maestra ci faceva fare un tema su "Aprile".
Ripensando a quel tempo voglio trascrivere una piccola poesia di Renzo Pezzani.



Canto d'Aprile

C'è tra i sassi, ieri non c'era
l'erba che trema come un verde foco;
l'ha perduta nel gioco
la giovine primavera.
La pecorina vestita di lana
ora strappa le tenere foglie,
e per ogni ciuffo che coglie,
batte un tocco di campana.
A quel suono fiorisce il pesco,
si schiudono le finestrelle,
e le rondini col cuore fresco
giungono dalle stelle.
L'acqua chioccia nella peschiera
rotonda come una secchia
e l'allodola dentro vi specchia
il suo canto i primavera.

Quest'atmosfera così idilliaca, ci trasporta in tempi lontani, a quando bambini si sognava di Fata Primavera, fiori profumati , farfalle variopinte e nuvolette su cui cullarsi..... a me almeno succedeva, molto spesso, forse perché leggevo tantissime favole, e altri libri colmi di dolci storie e scritti per mostrare solo il bello della vita.. lo rimpiango quel tempo; sognare può essere solo illudersi talvolta, ma è un 'illusione che non fa alcun male.

Si è verificato un errore nel gadget