lunedì 20 febbraio 2012

RIDERE O PIANGERE?


Conoscete la forma attuale del presente indicativo del verbo "lavorare"?

 l'ho trovata su un giornalino di Enigmistica:

io lavoro
tu sei disoccupato
egli va all'estero
noi aspettiamo l'esito del concorso
voi siete in cassa integrazione
essi prendono l'indennità di disoccupazione

A questo punto chiedo: che si fa ? ridiamo o ci mettiamo a piangere?

24 commenti:

  1. Sereno inizio di settimana Amica Cara..
    un abbraccio, con affetto..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Ciao Paola, hai ragione..e questo vale sopratutto per i nostri figli e nipoti, le giovani generazioni, ma non solo...Nonostante tutto, serena giornata, un abbraccio!!
    Carmen

    RispondiElimina
  3. Li per li ti scappa da ridere ma invece direi proprio che c'è da piangere, ed anche parecchio, perchè non si vedono sbocchi all'orizzonte, questa macanza di lavoro in Italia è diventata una piaga insanabile.

    Un abbraccio Paola!

    RispondiElimina
  4. Paola ridiamo prima e poi...e poi che tristezza ...

    Paoletta bella, bacioni.

    RispondiElimina
  5. Il commento è sempre giusto credo che venga più da piangere che ridere.
    Buona settimana cara Paola.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Meglio ridere..sempre!!!!! perchè se prendiamo la vita sorridendo anche lei ci sorriderà è quello che dico sempre ai miei figli!!!!!
    ciao cara buon inizio di settimana!!!
    baci
    da
    nannarè

    RispondiElimina
  7. Credo che in questo momento ci sia da piangere!! speriamo che cambi in fretta troppi giovani sono senza lavoro!! buon inizio settimana

    RispondiElimina
  8. Ciao Paola, stiamo piangendo tanto per come viene trattato questo nostro paese che forse è meglio ridere!!!
    Serena settimana!

    RispondiElimina
  9. In un primo momento leggendo questo scritto viene da ridere...ma in realtà si dovrebbe piangere...per i nostri figli
    Un buon inizio settimana

    RispondiElimina
  10. Cara Paola.
    In alcune occasioni si piange in altre si ride.
    Buon inizio di settimana :D

    RispondiElimina
  11. E'sempre stato difficile per un ragazzo giovane trovare lavoro.
    Adesso poi...

    RispondiElimina
  12. Eh..che si fa...si rimane come SOSPESI...

    RispondiElimina
  13. Sereno inizio settimana cara Paola.
    Qui c'è la bora con pioggia mista a neve. Il periodo non è dei migliori. Ti ringrazio per il commento. Un bacione,
    Ale

    RispondiElimina
  14. Vorrei ridere,ma purtroppo chi si trova in quelle condizioni ha ben da piangere!!!Buona giornata da Olga.

    RispondiElimina
  15. Anch'io mi metterei a piangere!!!!!!
    Dove andremo a finire proprio non lo so!
    Poveri i nostri figli......
    Un bacione
    Elsa

    RispondiElimina
  16. e se facessimo il 50 e 50?Piangiamo e poi ridiamo...o anche viceversa!
    Paola,mi sa che qui,le cose vanno male!

    Buona serata

    RispondiElimina
  17. chi ha un lavoro può anche ridere, ma a chi non ce l'ha più vien da piangere......
    come dice Lucia 50 e 50????

    RispondiElimina
  18. C'è proprio da piangere! Ma non buttiamoci giù. Quando si tocca il fondo, la forza della disperazione ti ributta in alto.
    E speriamo che arrivi presto un qualche spiraglio che per ora non vedo.

    RispondiElimina
  19. mettiamola così... RIDIAMO PER NON PIANGERE...

    RispondiElimina
  20. ciao.... bè....speriamo bene..per i giovani...
    ciao..luigina

    RispondiElimina
  21. bè, guarda....se si ride è meglio !
    ti saluto con affetto.

    p.s: la tua Pallina è stupenda !!!!

    RispondiElimina
  22. Cari amici, per lo più avete risposto che c'è da piangere, alcune, con ottimismo, hanno detto che è meglio ridere.... perciò faremo come dice Lucia suffragata da Andreina: 50 e 50..
    Per me, nonostante cerchi di essere ottimista, è un po' difficile ridere:vedo ovunque giovani che cercano senza successo un lavoro, e se lo trovano, non è mai una cosa sicura al cento per cento... non è proprio per niente facile far buon viso a cattivo gioco.. Speriamo in un futuro migliore, speriamolo con tutto il cuore.

    RispondiElimina
  23. ci mettiamo a piangere perché nasce dalla verità della situazione attuale ...

    RispondiElimina
  24. Pupottina... parafrasando un "caro amico" diciamo che "Non ci resta che piangere!"^___^

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Si è verificato un errore nel gadget