venerdì 23 novembre 2012

NOTIZIE DALL'ISOLA D'ELBA - AGGIORNAMENTO

23 novembre 2012 -Un piccolo aggiornamento al post di ieri  sottostante,se si può considerare "aggiornamento: oggi c'è stata una riunione per l'arrivo dell'assessore regionale Luigi Marroni... Si è giunti ad un "compromesso" ma ancora non si sa di che natura sia...
qui l'articolo 

Colgo l'occasione per ringraziare Lucia che, con la sua usuale generosità,  ha fatto un post di appoggio al mio.
E grazie anche a tutti coloro che hanno posto la firma sotto la petizione relativa al problema del nostro Ospedale.

Da diverso tempo ormai, esiste il timore che si voglia  chiudere l'ospedale di Portoferraio: hanno cominciato riducendo  reparti, personale, servizi, macchinari etc etc.... quest' estate, hanno iniziato a servirsi di un elicottero che atterra su una piattaforma recentemente costruita sul tetto dell'ospedale, per portare via questo o quel malato che qui, nella nostra struttura non poteva piu' essere curato...   Tutto ciò è assai triste! 
Come si può pensare che un' isola con 31.000 abitanti possa restare senza ospedale? se una persona si sente male , magari anche solo per un attacco di appendicite, dovrà essere spedita via con l'elicottero, perché qui non potranno più operarla... ma se quell'attacco avviene mentre sta imperversando il maltempo e l'elicottero non può decollare, cosa ne facciamo  di quella persona?... beh, qualcuno dirà: " ci sono i traghetti...."  certamente!! ma c'è anche il giorno che i traghetti non partono   per il maltempo... e in più, se la persona si sente male di notte, non ha neppure la possibilità di raggiungere il continente via mare perché da noi i traghetti viaggiano solo di giorno...quindi, per un semplice attacco di appendicite quella persona può anche morire!!!!  
E' assurdo!!!!
Il nostro sindaco ha presentato le dimissioni e le renderà attive se il 26 novembre non riceverà risposte positive dalla regione.
Nei giorni passati, insieme ad altri sindaci elbani, è salito sul tetto del nostro ospedale e nei giorni successivi ha dato origine a sitin cui hanno partecipato anche gli studenti e la popolazione. 
Venerdì scorso, come si può vedere dalla foto, oltre un terzo della  popolazione elbana, ha partecipato alla manifestazione indetta allo scopo di sensibilizzare gli amministratori regionali. 
Ora pare che la mozione redatta dai consiglieri regionali venuti all'Elba, sia stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale, ma bisognerà vedere quali saranno le decisioni della Giunta regionale. 
Spero  che la nostra isola non venga dimenticata: già per i nostri giovani è difficile trovare un futuro all'Elba ma così saranno sempre più propensi a lasciare una terra che, oltre a non  offrire lavoro, non dà  neppure i servizi di prima necessità: qui si rischia di non avere più un reparto di Maternità dove far nascere i nostri bambini e curare le loro mamme.....il reparto di ortopedia non esiste più e,  i nostri malati dovranno essere curati altrove, con disagio notevole per le famiglie. 
E non dimentichiamo che tanto personale perderà lo stipendio  e, di conseguenza,  tante famiglie si troveranno in difficoltà. 
Bisogna anche dire che un'eventuale chiusura, andrà anche a discapito del nostro turismo, già notevolmente scemato a causa delle sempre più esose tariffe dei traghetti...
Quanta tristezza pensare che i "tagli" vadano sempre a colpire la povera gente. 
Al corteo c'era un cartello con su scritto" VOI CHE CI AMMINISTRATE DALL'ALTO,  PROVATE A VIVERE SENZA OSPEDALE!" .... ma tanto, chi sta in alto sa bene dove può curarsi... 

Lucia mi ha chiesto se c'è una petizione per il nostro ospedale: chi vuole può trovarla qui

67 commenti:

  1. Cara Paola credimi non trovo parole per un commento positivo su questo argomento...
    Come tu sai vivo all'estero da oltre 50 anni qui vivo serenamente, sentire ciò che succede in Italia la terra dove sono nato, mi rammarica moltissimo! vedendo che siamo impotenti a questo sistema politico che lascia tutti perplessi senza sapere cosa sarà domani...
    Ciao e buona serata cara amica, un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio caro Tomaso, ti sono grata di queste tue parole e comprendo il tuo rammarico. Siamo veramente impotenti!!! Un abbraccio

      Elimina
  2. Una vergogna Paola... mi avevi già raccontato. Ma "sulla terra ferma" le cose non vanno meglio... Sto facendo esami privatamente perchè altrimenti è impossibile...
    Ti mando una mail, senza allungarmi troppo.
    Un abbraccio carissima Paola, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Ale , purtroppo stanno facendo cose simili un po' ovunque in Italia , ma essere sulla terra ferma è un vantaggio che a noi manca: qui, se non si può partire siamo davvero "fregati".... Perdonami il termine, ma non ne trovo uno più appropriato.
      Ho appena letto la tua mail, più tardi ti risponderò
      Intanto ti giunga il mio abbraccio

      Elimina
  3. Ciao Paola, che assurdità!! E' vero che gli ospedali piccoli sono molto costosi..ma non si può applicare le logiche di produzione aziendali alla vita delle persone!! E poi un'isola è una realtà particolare, bisognerebbe tenerne conto..mah, non si sa più cosa temere..di questo passo!
    Un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, dici giusto: un'isola ha una realtà particolare... Non voglio dire con questo che tagli simili si possono fare altrove.... La sanità non può essere tagliata! La salute ė un bene assoluto e il diritto a essere curati deve essere di tutti. Ma intanto, siamo tutti nelle mani dell'ultimo padrone. Grazie , un abbraccio

      Elimina
  4. pensavo a qualche petizione da poter firmare,non sai se ne hanno scritta qualcuna?Magari qualche Elbano ci ha pensato ma non sa come far divulgare la notizia,qui su internet,avresti ilnostro appoggio.
    Una situazione così tragica non può passare sottotono ...
    ti abbraccio
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia, la petizione c'è e questo è l'indirizzo
      http://www.facebook.com/events/133056120048474/
      Penso che lo aggiungerò anche sotto il post.
      Una situazione così non dovrebbe passare sottotono, ma non se ne parla granché.... Forse ne hanno parlato al tg regionale, ma non tutti possono vedere il tg reg. della Toscana!
      Grazie comunque dell'interessamento. Ti abbraccio

      Elimina
  5. Cara Paola, lo so che il mal comune in questo caso non fa davvero allegria, ma stanno chiudendo anche l'ospedale del mio paese e per fare anche un semplice esame i pazienti devono già essere trasportati a 20 km di distanza o con mezzi loro o con l'ambulanza e anche al mio paese ci sono 20.000 abitanti, E' davvero una vergogna. Bisognerebbe avere il coraggio tutti insieme di mandare al diavolo chi ci governa. Sono sempre gli stessi, vecchi e ladri, ci vorrebbe un rinnovo di gente giovane e ...sana.
    Un abbraccio grande Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so cara Rita, sono tanti i piccoli ospedali che stanno chiudendo .... Il nostro aveva 120 posti letto... Lo hanno ridotto a 70 .... È una vera vergogna... Ora si spera che tornino indietro, ma fino a che non vedo...non ci credo! Però, come dicevo anche ad Ale , sulla terraferma uno si muove anche con mezzi propri.... Noi, in certe situazioni, potremmo solo buttar i in mare!! Ti abbraccio e sono felice di rileggerti

      Elimina
  6. che tristezza tutto questo cara Paola...ma dove andremo a finire? sono molto scoraggiata per la situazione che stiamo vivendo e vi sono vicina!grazie per la tua visita e l'apprensione per il mio mal di testa,fortuna che è tutto passato!
    un bacione
    giovanna

    RispondiElimina
  7. Non lo so dove andremo a finire ! Speriamo che cambi qualcosa, per tutti gli Italiani... Anch'io sono avvilita, per tanti motivi... Grazie di essere passata e delle parole che mi scrivi.
    Il mal di testa è un gran brutto compagno.... Molto meglio non averlo!
    Un abbraccio con affetto

    RispondiElimina
  8. Paola, sono rimasta a bocca aperta nel vero senso della parola.

    E' assurdo e inaudito che manchi un ospedale in un'isola...

    E' tragico e raccapricciante solo il pensiero...

    Come si rimedia ad un caso urgente e improvviso?

    Vergogna all'infinito!!!

    Con affetto ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è assurdo, eppure mia cara Gianna il rischio c'è ! E se la decisione viene presa ( se non l'hanno già presa ) non ci sarà niente da fare, e di fronte ad un'emergenza non ci sarà che affidar si a Dio! Grazie della partecipazione, un abbraccio grande

      Elimina
  9. Tagli tagli e ancora tagli...stanno tagliando tutto meno che i loro stipendi d'oro e i redditi di chi guadagna spropositi o chi non dichiara ciò che guadagna...
    ma la sanità no...non si deve tagliare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, i loro stipendi non si toccano, come non si toccano i diritti che hanno i ricchi!!! La sanità è una cosa troppo importante, ma di fronte alle decisioni che vengono dall'alto, non si può far niente.
      Grazie cara Mari, un caro saluto

      Elimina
  10. una vera assurdità.... in un'isola come l'Elba è indispensabile un ospedale sia per chi ci vive che per i turisti........
    Spero che si risolva al meglio, altrimenti sarebbe un'altra vergogna italiana da aggiungere alle tante.....
    un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza è sempre l'ultima a morire, Andreina e non si può che aspettare.. Un abbraccio

      Elimina
  11. Ma come si fa a lasciare un'isola senza ospedale? E' una cosa assurda... inverosimile!
    Ormai fanno tagli ovunque, ma sempre a discapito della povera gente e su strutture indispensabili.
    Ma non pensano minimamente a fare tagli sui loro stipendi... quelli no eh?
    Per fare delle semplici analisi occorre aspettare mesi, obbligandoci così, ad andare da specialisti a pagamento… che vergogna!
    Un forte abbraccio cara Paola, nella speranza che qualcosa si muova, ma in meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty, oramai l'Italia tutta vive di assurdità .... Nessuno che si batta per i diritti del comune cittadino....chiunque lo fa offre la sua voce al vento .,dovremmo ribellarci tutti, tutti insieme! anche se pare che non ci ascolti più nessuno. Grazie della partecipazione, e un abbraccio grande

      Elimina
  12. E'una situazione inverosimile. Quanto ci sta capitando richiede con urgenza la disobbedienza civile, queste sono leggi abusive e delinquenziali, che ci privano del diritto alla vita. Non se ne può davvero più.
    Firmerò la petizione, sperando serva a qualcosa, almeno a lasciare effettivo il pronto soccorso e il reparto di chirurgia.

    Ciao Paola, buon fine settimana a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il frutto di una politica inverosimile: forse proprio la disobbedienza è la sola spada che ci rimane...dovremmo rifiutare di pagare le tasse, per esempio..... Ti ringrazio della firma, almeno perché qualcosa possa restare.... Un caro abbraccio

      Elimina
  13. Non ho parole davanti ad una cosa così assurda.
    Ma cosa stiamo dventando?
    Un bacione immenso di bene Paola e con la speranza che la cosa si possa risolvere in modo positivo.....pazzesco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so Pinuccia: non so dove stiamo andando e come finiremo.... Sono avvilita! Grazie, prendo il bacione e te lo rimando con tanto affetto.

      Elimina
  14. ciao Paola
    diffondo il tuo appello.
    Un click non costa nulla!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia, non posso che dirti grazie, anche a nome dell'Elba intera. Un abbraccio grande

      Elimina
  15. Di cose assurde in questo stano Paese c'è ne sono tante. Questa di risparmiare sulla pelle degli altri è una cosa vergognosa. Hanno già falcidiato la sanità in modo indecente, intanto si guardano bene dal tagliare i loro privilegi.
    Non è ammissibile eliminare un ospedale in un Isola con 31000 abitanti...Questi sono impazziti.
    Mi auguro una vigorosa retromarcia.
    Ciao Paola, Buon fine settimana a Te Saverio e Famiglia al completo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Adamus , non finiranno mai di "stupirci"!!dire che qui sono davvero impazziti, viene spontaneo.... Eppure la follia continua, imperterrita.
      Dalla riunione odierna con l'assessore regionale, sembra ne sia uscito un compromesso, ma di che natura sia ancora non si sa!
      Speriamo in bene! Grazie dell'appoggio, un abbraccio

      Elimina
  16. Leggo ora il tuo post,sapevo dai giornali e non mi meraviglio,quà va tutto a scatafascio!!!! si sta tornando indietro di 50 e più anni i diritti avuti ce li stanno portando via poco a poco ,il lavoro,la scuola, la sanità è una vera schifezza!!!! che dire? SPERIAMO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altroché Lorena se si sta retrocedendo! Ovunque ci si giri, vediamo cose vergognose di fronte alle quali siamo spesso impotenti. Da voi, come va per la Lucchini? So che oggi c'era D'Alema ....incrociamo tutte le dita..è andiamo avanti!
      Ti abbraccio

      Elimina
  17. Ciao cara, questo tipo di risparmio é scandaloso e assurdo (come dici tu)! Spero molto che i competenti cambieranno idea.
    Buon fine settimana e un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Caterina! Non si può operare tagli sulla sanità o sulla scuola...è un ero scandalo, ma.... Li fanno e ne faranno ancora.intanto, i loro privilegi, non si toccano!
      Grazie del tuo intervento, un bacione

      Elimina
  18. Ancora una volta ai nostri politicanti non gli importa nulla dei cittadini, che vergogna!! buona serata...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo il tuo intervento,Giancarlo. Un caro saluto, a presto

      Elimina
  19. ciao! non sapevo tu fossi Toscana come me!!!
    guarda, ora vivo qui in Liguria e sta succedendo la stessa cosa, hanno costruito un bel ospedale ad Albenga ma lo hanno chiuso maternità compresa.
    certo che voi siete messi peggio visto che vivete su un'isola!
    Ti abbraccio, paola, e ti ringrazio per le visite che mi fai, grazie!

    RispondiElimina
  20. Sì, sono nata all'isola d'Elba e mi sento toscana a tutti gli effetti , anche se ho origini varie: quindi siamo corregionali!
    Vedo che anche Albenga è stata toccata da questo cosiddetto "risparmio"!
    Indubbiamente un'isola è ancora più svantaggiata, ma il diritto ad essere curato è di tutti.
    Ti ringrazio per la solidarietà e ti abbraccio.
    Ho potuto notare che ci siamo quasi incrociate nei commenti...una sorta di telepatia?

    RispondiElimina
  21. la mancanza in un isola dell'ospedale è una cosa drammatica ed è indecente,indegno di una società civile che si giochi sulla salute della gente,con la solita tiritera che bisogna risparmiare.
    Ma allora perchè i deputati si sono triplicati le indennità?e poi hanno anche il coraggio di chiedere il voto,facce di...bronzo.vado a firmare la petizione,un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indecente ma vero mia cara Graziella .. Ti ringrazio per la comprensione e per aver firmato la petizione. Per il voto...bisogna vedere; ho tanta voglia di disobbedire e di non farne di niente!
      Un abbraccio grande e buona domenica

      Elimina
  22. Ciao Paola ieri avevo visto la notizia da lucia e una cosa che amcora stento a credere chiudere un'ospedale in isola e una cosa pazesca1 Questo ci fa capire come siamo governati ieri avevo provato a firmare ma non ero riuscito mentre cinque minuti fà e andato tutto bene,ciao ai tutta la mia solidarietà e sarò sempre con l'sola d'Elba
    un virtuale forte abbraccio

    tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tiziano grazie di cuore per il tuo appoggio e per aver comunque trovato il modo anche di firmare ... Un abbraccio grande e buona domenica a te e famiglia

      Elimina
  23. Sono cose incredibili, ma fino ad un certo punto: lo so che è banalmente retorico o semplicistico, ma è una realtà sotto gli occhi di tutti che si risparmi tagliando sempre su Sanità e scuola. Facciamola finita! basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È cosìia cara Lella, tagliano dove non dovrebbero senza mai intaccare i
      loro privilegi .... È un assurdità ma non si fermano. Ti ringrazio per l'intervento e ti abbraccio

      Elimina
  24. Ciao Paola, ormai non c'è più buon senso, pudore o vergogna, sono diventati tutti matti che agiscono senza avere un briciolo di cervello, mi auguro che il compromesso porti a delle novità che vadano nella direzione giusta!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  25. Me lo auguro anch'io cara Sciarada! Speriamo che si approdi in maniera positiva in un porto sicuro! Purtroppo i nostri governanti hanno perso il senso della ragione Ti saluto con affetto e ti auguro buona domenica

    RispondiElimina
  26. Caspita mi era sfuggita questa notizia. vado subito e spero di essere in tempo. Ma come si fa a chiudere un ospedale dislocato su un'isola!?

    RispondiElimina
  27. Sandra, grazie mille mia cara.Ancora non sono sicura, ma sembra che la chiusura sia scongiurata...vedremo cosa ci concederanno.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Speriamo in bene!

    Vieni sul blog di poesia.

    Baci

    RispondiElimina
  29. speriamo in positivo!
    buona domenica

    RispondiElimina
  30. Cara Paola che vergogna,ma speriamo che prevalga
    la ragione e il buon senso.un abbraccio nonna di sara gianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gianna, lo spero tanto... Ancora notizie sicure non ne ho... Vedremo. Ti abbraccio

      Elimina
  31. Assurda questa cosa...lasciare un'isola senza ospedale!? E' una cosa indegna di un paese civile.
    -
    Ho letto Paola che la chiusura è scongiurata, speriamo davvero. ciaooo un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di cose assurde in Italia c'è ne sono tante, anche troppe!

      Anch'io ho letto, ma ho anche letto che la certezza assoluta non c'è ancora....
      Ciao cara Carla, un abbraccio

      Elimina
  32. L'Italia è allo sfascio purtroppo e si evince proprio dalla chiusura degli ospedali e dei servizi rivolti ai cittadini... è uno schifo... anche qui a Napoli la sanità pubblica non esiste quasi più, è da settembre che tutto si deve fare privatamente....

    Un abbraccio Paola!


    PS-sono arrivate le "siciliane"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabry, ovunque in Italia è la stessa musica... Certo che un'isola ė quanto mai disagiata in una situazione del genere.... Non resta che aspettare.
      Ora vengo a trovarti ... Bacioni

      Elimina
  33. Buongiorno Paola!..mi sono permessa di offrirti la colazione ....spero sia di tuo gradimento.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo!! sei stata carinissima... quella fettina di dolce è golosa assai assai...è il dolce di mamma Sofia? grazie per il caffè e per il tuo affettuoso gesto. Baci

      Elimina
  34. In Italia tante cose non vanno bene.
    mi dispiace cara Paola. a volte mi sembra che diciamo sempre le stesse, ma è sempre giusto parlarne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sembra di dire spesso le stesse cose perché ovunque i problemi sono più o meno gli stessi. Che ci vuoi fare, Pupottina, siamo in Italia... Un abbraccio

      Elimina
  35. La mia solidarietà a tutti i cittadini dell'isola. Tra l'altro ho inserito un link nel mio ultimo post.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Cavaliere, ho apprezzato moltissimo quel che hai fatto .
      cari saluti e a presto

      Elimina
  36. Capisco e sono abbastanza incavolata, anche qui, tagli a non finire e prospettive di chiusura di alcuni ospedali importanti, ma su un'isola no!!Vado a vedere la petizione e ti abbraccio solidale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riri, grazie anche a te per la solidarietà... pare che ci sia stato un risutato positivo alla vertenza elbana... ma sai, come dice il proverbio; fidarsi è bene ...
      Un abbraccio

      Elimina
  37. Ciao Paola, eccomi qui finalmente!
    Capisco il tuo disappunto anche qui da me spesso si sente che il nostro ospedale verrà chiuso....che rabbia!!!!!!!
    Un saluto veloce ed un grande abbraccio
    Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elsa, ho appena letto che sei diventata Nonna..e ti rinnovo gli auguri.
      La nostra rabbia per certe cose è sempre più grande, ma "loro" fanno quel che vogliono-
      Bacioni

      Elimina
  38. ...ciao Paola, oggi siamo arrivati al punto, che sarebbe davvero una sorpresa apprendere di un decreto positivo, a beneficio del popolo italiano...invece ogni giorno è la stessa eco disastrosa che risuona ovunque...mi auguro che questi amministratori senza morale e dignità, non privino di un servizio così importante come l'ospedale la tua isola...con sincero affetto...

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.