venerdì 14 agosto 2009

PENSIERO


"Sì, è vero sono cambiata, la sofferenza mi ha cambiata perché certe cose ti segnano. Ma se guardi bene sono la persona di sempre, con dei principi e dei valori, solo più consapevole" (Anonimo)

Ho trovato questo pensiero di Anonimo questa sera nel mio blog dei Premi, tra le Frasi di PensieriParole; mi ha colpito perché per me rappresenta una verità assoluta!
La sofferenza cambia: anche se fondamentalmente rimaniamo gli stessi, siamo molto più sensibili e profondi nelle nostre riflessioni.
Purtroppo talvolta la sofferenza fa sì che certe persone cambino negativamente e questo dà molto da pensare.

Vorrei sapere che cosa ne pensate al riguardo.

?????????????????
°

11 commenti:

  1. Cara Paola,hai ragione. La sofferenza può danneggiare una persona...
    La reazione ad essa può essere positiva o negativa, nel mio caso è come la tua.
    Un 'operatrice scolastica,invece, a cui erano mancati i due figli a distanza di poco tempo, diventò cattiva e se qualcuno me lo faceva notare cercavo di giustificarla, ma gli altri non capivano...mi dicevano : a maggior ragione dovrebbe essere buona...
    Un abbraccio grande e buon ferragosto!

    RispondiElimina
  2. La vita cara paola, con i suoi risvolti...può cambiare una persona e guai se non fosse cosi.
    Ci sono quelli che si incattiviscono, perchè la loro natura è debole.
    Solo se il cielo dona un'anima nobile i dolori rendono migliori

    La vita con i suoi ritornelli, dona ad ognuno la sua canzone, ma ci sono quelli stonati per natura questi, sono i più pericolosi, maggiormente per loro.

    Se il cielo ci ha fatto il dono di regalarci la sensibilità, forse il merito non è neanche nostro.

    Per questo sono sempre grata al cielo che mi ha voluto regalare questa mia anima, attraverso lei sono maturata.Non ha importanza se questa mia maturità non risponde ai canoni fissati dalla società...l'importante è il mantello personale che indosso è questo non ha toppe...

    Spero di essermi spiegata bene. sai la mattina sono sempre un po cosi...

    Buon Ferragosto. bacio

    RispondiElimina
  3. Cara Paola,
    non smentisci mai la tua grande sensibiità...
    Questa riflessione l'ho fatta anch'io tante volte davanti ai cambiamenti che riscontravo nelle persone.
    Sono molto meditativa e prima di esprimere un parere la mia mente è un turbinio di domande e possibili risposte.
    L'unica che trovo, a parer mio, accettabile è che ogni cambiamento nelle persone dovuto a ciò che succede loro nella vita va accettato.
    Se è positivo..bene...segno che l'esperienza ha fatto maturare e affinare la sensibilità.
    Se è negativo, dopo ovvi tentativi troppo spesso inutili di trasformarlo in positivo, va accettato e non mal giudicato come fanno molti dicendo "ahh ma io non avrei mai fatto o detto così..." perchè noi non siamo quella persona, non siamo nel suo animo, nella sua testa, nel suo cuore e forse, se avessimo subito lo stesso dramma, avremmo reagito anche peggio...non possiamo saperlo.
    Ognuno di noi è un individuo a se,
    so di gente che ha perso un figlio nel fiore degli anni e ha ripreso a sorridere tranquillamente, altri che si sono lasciati morire perchè avevano perso il loro cagnolino....
    Io, fino ad ora, posso dire che ho retto agli urti della vita, con grande forza di volontà ma gli anni passano per tutti e non posso sapere se il prossimo dolore mi sarà fatale o se quella forza di rialzare le spalle e guardare avanti mi sarà ancora compagna....
    Ovvio che spero di farcela sempre!!

    Ti auguro un buon ferragosto in serenità con tutti i tuoi cari.
    bacio bacioooooooo

    RispondiElimina
  4. Paola
    BUON FERRAGOSTO!!
    Tornerò x rispondere al tuo post
    UN ABBRACCIO..LINA

    RispondiElimina
  5. Ciao Carissima..una capatina veloce per salutare gli Amici.

    Le sofferenze ci cambiano fortemente..il Cuore con il tempo ripara le ferite e diventa più duro e coriaceo..ma a volte un sorriso di bimbo.. una lacrima asciugata da una carezza..fanno miracoli.

    Buon ferragosto.. a Te, Saverio e Famiglia!

    RispondiElimina
  6. Credo che fondamentalmente sia una questione di sensibilità e l'avere una fede autentica, che giocano un ruolo importante. Riesci a darti delle risposte a domande che altrimenti non ne troverebbero.
    Sereno fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Cara Paola,
    la sofferenza è come un fiume sotterranero che scava gallerie profonde dentro di noi...lo so per esperienza.
    Ma ti posso dire con sincerità che a me è riuscita solo a migliorarmi: sono felice di essere approdata aldilà di una sofferenza durata un'eternità ancora integra e capace di amare, più di prima.
    Buon ferragosto!!

    RispondiElimina
  8. cambia, nel bene e nel male, intendo dire che, se una persona è fonamentalmente positiva cambia in senso positivo, se invece è fondamentalmente negativa si inasprisce ulteriormente e peggiora, è quello che succede con l'età. mia madre che è sempre stata una persona profondamente gretta, egoista, maldicente ed inframmettente, fin da giovane, invecchiando era diventata isostenibile

    RispondiElimina
  9. e tiassicuro che non avava avuto mai nè grandi dolori nè difficoltà di qualsiasi genere.

    RispondiElimina
  10. Dipende molto dal carattere di ciascuno.Se una persona ha saputo crearsi buoni rapporti con gli altri, penso che riuscirà sempre a trovare una spalla su cui poggiarsi. Ho visto una madre perdere l'unico suo giovane figlio, ma è rimasta quella che era, dolce, anche se si leggeva in volto il suo dramma, perchè aveva tante persone che l'amavano come lei aveva sempre amato tutti. In caso contrario, chi è vissuto nell'egoismo, nella cattiveria, troverà la solitudine come sua compagna, ed allora è probabile che possa incattivirsi ancora di più, ed incolpare tutti di questo suo stato. Comunque mai si puo' giudicare, bisognerebbe trovarsi nelle stesse condizioni, nello stesso momento.
    Ciao Paola, baciotti Diana Bruna

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Si è verificato un errore nel gadget