giovedì 13 ottobre 2011

VOLONTARIAMENTE

La mia vicina di casa, un'anziana signora, mi ha portato un foglietto, ingiallito ma  ripiegato con cura  dicendomi"Leggilo!"  L'ho trovato gustoso: fa riferimento al nostro passato, ad un passato dei momenti bui...  e sono certa che chi ha qualche anno più di me si identificherà in chi  ha scritto... ma credo che anche chi ha la mia età o chi è anche più giovane, in un certo senso possa ritrovare qualche aggancio con certe  realtà italiane.

Voglio proporvi dunque la  lettura di questa sorta di poesiola, o filastrocca che dir si voglia:


Questa parola"Volontariamente"
che ha fatto scimunire tanta gente,
trattenendo la stizza ed il tormento,
sono circa vent'anni che la sento...

Vent'anni che la leggo nei giornali
nei libri, nelle scuole e nei locali,
vent'anni di fregata con i guanti
a quaranta milioni di abitanti....

Oggi si può parlare apertamente
e voglio farlo"volontariamente"
per dire quello che ho sofferto ieri
senza paura dei carabinieri.

Il mio stipendio, ad ogni fine mese
è stato sempre denso di sorprese...
ma ho dovuto subire sorridente
perché subivo "volontariamente"..

Con l'incetta del rame, il ferro e l'oro
non c'è rimasto manco un pomodoro...
ma il popolo, fremendo inutilmente,
ha dato tutto.... "volontariamente".

Poi ci fu, con manovra assai simpatica,
la famosa campagna demografica
che spingeva la gente lestamente
a fare figli "volontariamente"...

E la gente, sperando in un sussidio,
all'orlo della fame e del suicidio,
si mise sotto con la schiuma ai denti

Ed ogni mamma con un'aria cupa,
per registrare il figlio della Lupa,
pagava cinque lire solamente,
e le pagava...."volontariamente"...

La gente che batteva i marciapiedi
e che la fame non reggeva in piedi,
girava per le strade mestamente,
ma lo faceva "volontariamente".

Dovevo congedarmi nel '38
ma siamo giunti quasi al '48...
e sono ancora qui.. naturalmente
perché ci resto "volontariamente"!

Per sfuggire alla tassa-celibato,
sono stato ammonito e denunziato
e ho dovuto pagare prontamente
e, come sempre, "volontariamente".

Ogni tanto sborsavo un soldarello
che davo a pro di questo o pro di quello
ma questi pro, parlando con creanza,
erano a pro di questa o l'altra panza!

In mezzo a quel confuso "magna magna"
scoppiò la guerra santa della Spagna
e il popolo bloccato eternamente
prese il fucile "volontariamente"...

M'hanno imposto di odiare l'Inghilterra
ed ho saputo poi, naturalmente,
d'averlo fatto "volontariamente".

Ho vissuto vent'anni da pezzente 
ed anche questo"volontariamente"
ma  vorrei mi venisse un accidente
se qui mi trovo "volontariamente"...

La gente che s'ammazza inutilmente
ma che s'ammazza "volontariamente"
forse chissà, la pensa come me,
che sta crepando ma non sa perché.


26 commenti:

  1. Ciao Paola,è da tanto che non ci sentiamo,come stai?E Pallina tutto bene?Un bacio,a presto!

    RispondiElimina
  2. Ciao........
    a volte siamo convinti di agire vlontariamente....poi invece ci accorgiamo che non è proprio così...

    In fiera a Bergamo ho conosciuto una signora dell'Elba, Gloria,che fa il Patchwork e ti conosce....

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Paola, è proprio stupendo questo post, c è di tutto...
    è semplicemente fantastico.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Ciao Paola eccomi di nuovo qui dopo un bel pò di tempo assente nel blog(...ero fuori per ristrutturare la mia casetta)........e come sempre i tuoi commenti sono perfetti!!!!!
    ciao un abbraccio e un baciotto a Pallina!!!!!!
    buona serata
    da
    *nannarè***********

    RispondiElimina
  5. Simpatica e scorrevole ma ricca di riflessioni vere, un abbraccio sincero

    RispondiElimina
  6. Cara Paola, sono contenta che hai ripreso a scrivere.
    La filastrocca che hai proposta è davvero molto significativa e densa di riflessioni... siamo un popolo paziente e collaborativo... ma il troppo è troppo.
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Cara Paola, la tua vicina è simpaticissima e sdrammatizza tutto quello che ha dovuto subire...

    Noi due volontariamente ci vogliamo bene!

    RispondiElimina
  8. L'amarezza,con un po' di ironia,di una realtà vissuta e subita.
    Un saluto,Costantino

    RispondiElimina
  9. bellissima Paola!!!
    Grazie, come sempre

    RispondiElimina
  10. Divertentissima questa filastrocca e più che mai attuale.

    RispondiElimina
  11. Volontariamente...ma è poi sempre vero che quello che si fa è sempre "volontariamente"? E non per imposizione, nostro malgrado?
    Belle le parole del biglietto che la vicina ti ha portato, belle e che fanno molto riflettere.
    E ora, quello che siamo costretti a fare "volontariamente" non è un po' esagerato? Non sarebbe l'ora che molto "volontariamente" ci risvegliassimo????
    Ciao Paola sono contenta che sei ritornata.
    Un abbracione
    Bruna

    RispondiElimina
  12. ironica e amara allo stesso tempo,questa filastrocca ci riporta ad un passato di tribolazioni,speriamo che non diventi troppo attuale
    a presto ,cara Paola

    RispondiElimina
  13. Ciao Paola,la signora con quella sua bella filastrocca, ha descritto perfettamente quei tempi non troppo rosei, buona serata

    Tiziano.

    RispondiElimina
  14. Ringraziamento collettivo a tutti voi cari amici per i vostri simpatici e graditi commenti, e vengo a farvi una visitina... a presto

    RispondiElimina
  15. Eh, mi sa che siamo un popolo molto suggestionabile e manipolabile. Almeno per certi periodi....
    ---
    Che bella miciona!

    RispondiElimina
  16. Ciao Paola, ma per quanto tempo dovremo ancora subire "volontariamente"?
    Mi sembra molto molto attuale.....
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. lo trovo semplicemente veritiero e fantastico,
    un abbraccio
    imma

    RispondiElimina
  18. allora andrò VOLONTARIAMENTE a correggere quel pacco di compiti in classe che mi guarda bieco dal tavolo

    RispondiElimina
  19. tutta una storia in questa poesia!!
    vista con una certa ironia ed anche amarezza.
    Volontariamente ti abbraccio e ti auguro una lieta domenica e tant serenità

    RispondiElimina
  20. Carissima Paola, buona domenica!

    Ho pubblicato la tua ultima poesia.

    RispondiElimina
  21. °º✿ Olá, amiga!
    º° ✿✿♥ ° ·.
    As recordações sempre guardam um pouco de doçura.
    °º♫
    °º✿ Boa semana!
    º° ✿♥ ♫° ·.
    Beijinhos.
    Brasil ♥♥•˚。
    °° 。♥

    RispondiElimina
  22. Ciao Paola, molto significativa.
    Fa riflettere mentre descrive la nostra storia di ieri oggi e domani!
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
  23. Grazie a tutti voi per la condivisione. Verrò a trovarvi. Buona notte con un abbraccio

    RispondiElimina
  24. ciao Paola...come stai?
    Spero ancora tutta intera!
    Ti mando un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Ciao Paola.
    Testo pieno di ironia e sarcasmo.
    Quante cose che si fanno "volontariamente"...peró mi é piaciuto molto il messaggio che porta.
    Tu come stai? Ti sei riposata per benino?
    Un bacione affettuoso.
    Nunzia

    RispondiElimina
  26. Ciao Lu e Zula... sì, sono ancora tutta intera, ma molto molto acciaccata e già comincio a sentire tanto freddo.... la cosa non aiuta quando il morale è un pochino a terra..ma cerco di fare il possibile per uscirne, dandomi sempre molto da fare..forse anche troppo, ma va bene così. Un bacio a entrambe

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Si è verificato un errore nel gadget