mercoledì 15 aprile 2009

"SIGNORI SI NASCE ED IO....."


.... lo nacqui,modestamente!"
...e lo nacque.... il 15 febbraio del 1898, nel rione Sanità, in seguito ad una relazione di sua madre, Anna Clemente, con Giuseppe de Curtis, figlio del marchese de Curtis che si oppose alle nozze.
Nasce con il nome di Antonio Vincenzo Stefano Clemente: nel 1921 la madre si sposa con il de Curtis che solo nel '37 lo riconosce come suo figlio.
Nel frattempo lo aveva adottato il marchese Francesco Maria Gagliardi Focas e, nel '45/46 il tribunale di Napoli gli riconobbe il diritto di attribuirsi il nome della casata ed i titoli: così egli divenne: Antonio Focas Flavio Angelo Ducas Comneno De Curtis Di Bisanzio Gagliardi, altezza imperiale, conte palatino, cavaliere del Sacro Romano Impero, esarca di Ravenna, duca di Macedonia e di Illiria, principe di Costantinopoli, di Cilicia, di Tessaglia, di Ponto, di Moldavia, di Dardania, del Peloponneso, conte di Cipro e d'Epiro, conte e duca di Drivasto e di Durazzo.
Ma non ritengo necessario ricordare la sua vita nè le tappe della sua carriera, dal momento che penso che chi lo ha amato sa di lui tutto quel che c'è da sapere.

Oggi, 15 aprile 2009 ricorre il 42° anniversario della sua morte e lo voglio commemorare con la sua celebre poesia:
'A livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"





20 commenti:

  1. "Sono ormai all'eta' in cui si tirano le somme e non ho fatto nulla.
    Sarei potuto diventare un grande attore, e invece su cento e piu' film che ho girato, ve ne sono di degni non piu' di cinque.
    Ma anche se fossi diventato un grande attore ,cosa sarebbe cambiato?
    Noi attori siamo solo venditori di chiacchiere .
    Un falegname vale certo piu' di noi:
    almeno il tavolino che fabbrica resta nel tempo ,dopo di lui"
    Antonio de Curtis

    Come si sbagliava a dire questo, il nostro caro Totò.
    Grazie Paola, di questo post.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Che grande uomo! Un maestro per tanti attori. Grazie per il ricordo

    RispondiElimina
  3. Ciao Paola, bello questo post, come anche tutti gli altri! Leggendo i tuoi ricordi di Pasqua mi sono affiorati alla mente i miei, alquanto simili ai tuoi:ricordo anch'io che a Pasqua si indossava il vestitino nuovo, si faceva la colazione con la cioccolata calda, le uova sode, salumi vari e mia mamma ( che era fiumana) preparava tante "pinze" (pane dolce con uva passa che faceva lievitare tutta la notte).
    L'uovo lo si apriva il giorno di Pasqua, mai prima!
    La famiglia si riuniva al completo. Mi mancano tanto quei bei giorni!
    Un caro saluto. Buona serata
    Erika

    RispondiElimina
  4. S.O.S.
    Paola
    Passa Parola ...abbiamo
    una nuova amica .
    Vieni nel mio blog e clicca sull'immagine grazie ...LINA

    RispondiElimina
  5. Grande Totò il nostro amatissimo principe De Curtis, pensa questa poesia " A livella " la sapevo a memoria ora non riesco più a ricordarla tutta, devo sbircire sul libro per riprendere l'inizio delle varie strofe, ma resta comunque la mia poesia preferita, perchè è una lezione di vita quella che Totò ci ha lasciato con queste sue parole.

    Un saluto Paola e buona serata.

    RispondiElimina
  6. ciao carissima, sono passata per un salutino, buona serata
    imma

    RispondiElimina
  7. Il principe...di fatto e anche della risata!
    Persone come lui nascono una sola volta e lasciano un segno indelebile,solo Totò ha saputo ironizzare così sapientemente sulla morte...come i grandi!

    Grazie Paola, un caro saluto.

    RispondiElimina
  8. unico e irripetibile...se ci fosse ancora lui...quanto riderebbe di questa nostra strana società!

    RispondiElimina
  9. Paola, grazie! Me la sono proprio gustata...

    RispondiElimina
  10. **Ciao Rosy,
    di sicuro si è sbagliato eccome! i suoi film, i suoi personaggi non moriranno mai.. certe sue frasi o espressioni, fanno parte del nostro parlare... e quindi è stato come quel falegname cui lui si riferisce: ci ha lasciato mobili, sedie e tavoli di gran pregio e che non si tarleranno mai!Un bacio


    **Certamente Angelo azzurro: chi più chi meno, si sono tutti ispirati a lui che è stato un grande ed unico maestro.Un abbraccio

    **Ciao Erika, ti ringrazio dell'apprezzamento.
    Quanto ai ricordi delle Pasque lontane.. è vero, l'uovo non si apriva mai prima di Pasqua! con i miei figli ho cercato di mantenere il più possibile vive certe tradizioni, ma quei giorni lontani, dal profumo molto particolare, mi mancano ugualmente.Cari saluti

    **Cara Lina, grazie per avermi segnalato la nuova amica; è già entrata nel mio "mondo" e la frequento e leggo volentieri. Grazie comunque e un bacio.

    ** Gabry, ciao cara, addirittura a memoria la sapevi!! certo che è bella lunga,ma indubbiamente è una lezione di vita da tenere in seria considerazione; in questa poesia Totò, come anche in altre, dimostra la su asaggezza oltre che la sua filosofia e l' innata e raffinata ironia.
    Un bacio

    ** Un carissimo saluto anche a te Imma, poi vengo a trovarvi.

    ** Caro Sirio, Totò era principe per più versi,e sapeva sempre mostrare la sua signorilità; non c'è dubbio sulla sua unicità: in casa mia c'è un vero culto per Totò! Saverio adora Totò ed ha trascinato anche i nostri figli in questa sua passione, tanto che spesso e volentieri parlano usando termini ed espressioni di Totò, ed io ...con loro!!
    Grazie a te di aver contribuito: un abbraccio

    **Ciao Fratello Vento: unico e irripetibile! spesso ci penso a quali sarebbero stati i suoi commenti su certe persone che reggono i fili di questa Italia... !?! Un caro saluto a presto.

    **Cara Stella! sono felice di averti offerto un buon momento!
    Ti auguro una dolce notte così come la auguro a tutti voi cari amici,
    vi abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Meraviglioso Totò ; grande attore , grandissimo uomo . Questa sua bellissima poesia ci dimostra che di fronte alla morte( e quindi a Dio) siamo tutti uguali ; sono gli uomini che , in vita , creano le differenze , in modo arbitrario e ingiusto .Grazie per questo bel post

    RispondiElimina
  12. Ecco...bisognerebbe inviare 'A livella a qualche Signore!Magari si ricorda che alla fine tutti muoriamo e che almeno in quello siamo tutti uguali.
    Amo Totò.Amore trasmesso da mio padre di origini campane :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Ciao carissima
    ****Paola, felice che ti sia piaciuto il mio post,
    e grazie anche a te cara
    ****Guernica: ci troviamo a condividere quest'ammirazione per questo straordinario attore e, anche, straordinario poeta.

    Un bacione e dolce notte

    RispondiElimina
  14. In questi giorni ho avuto poco tempo da dedicare al mio e ai blog degli amici... ma sono sempre qua e prima o poi torno ... ciao e buona giornata. Maria

    RispondiElimina
  15. ***Cara Maria, grazie della visita sono felice di vederti
    un bacione
    ***Cara Gabry, sei sempre presente; auguro anche a te buon fine settimana e a tutti con un grande abbraccio

    RispondiElimina
  16. Il grande Totò, con quante ironiche risate spesso ha fatto piangere per far sorridere a crepacuore allora il mio giovane ed ora assai triste cuore.

    Un angelo venuto in questa terra con un vero scopo di trasmutare con la sua assai rara spontanea sincera gioviale scherzosa natura il dolore e la mala sorte in quel vero regnate dio che è nel cuore di ogni creatura.

    In fondo in fondo tutti siamo benevoli o malevoli attori.

    Spesso anche in una parte, in una recita che non è la nostra, ma che è necessaria per la crescita interiore che ci siamo imposti prima di ridiscendere in questo piano del confronto.

    Importante ogni tanto o meglio spesso diventare lo spettatore di noi stessi e capire con quell’autocritica coscienza logico/istintiva e con quell’introspettiva analisi interiore se tutto procede secondo il nostro e il piano divino. E se non capiamo, allora basta parlare con il cuore in sintonia con l’assai amorevole angelo/spirito guida che ci segue fino dalla nostra nascita. Solo in questo modo possiamo trasmutare ogni nostro naturale ecoico male nel bene che è presente in ogni espressione della natura.

    Ciao Carissima Paola, per aver ispirato con le tue armoniche riflessioni/poesie il cuore di tanti.

    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  17. ciao Paola sono tornata, ora dovrò lavorare sodo ma ce la metterò tutta, Totò è il mio preferito, questa poesia è bellissima, ti auguro che vada tutto bene come a me, buon fine settimana un'abbraccio Oly.

    RispondiElimina
  18. Un abbraccio cara Paola e grazie per avermi fatto ricordare un Grande del cinema e della vita.

    RispondiElimina
  19. Caro Raffaello, grazie dell'intervento come sempre molto preciso e riflessivo.Un caro saluto.

    Olimpia cara amica, sono felice di rivederti e sentirti anche contenta.Un bacione

    Cara Calliope,Totò era veramente grande..
    un caro abbraccio anche a te e a tutti buona domenica.

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.