venerdì 23 aprile 2010

PRIMAVERA MALATA


...Primavera è malata,
malate son le rondini,
malati sono i fiori,
malato è il mio cuore....


E' Primavera, ma non come vorrei: l'aria non ha il dolce tepore che ad ogni primavera si rinnovava; non più nel cielo mille e più intrecci di garriti...ma timide, quasi accennate, piccole e rare grida, che vorrebbero ricordare le gioie passate e che invece mi colmano il cuore di nostalgia, di un acuto desiderio di altre,lontane, remote....primavere! guardo i fiori, golosa dei loro colori, avida del loro profumo.....sbocciati appena ieri e dal sole baciati, oggi , grevi, reclinano il capo sugli steli che a fatica sorreggono i loro calici colmi di pioggia.
Gli alberi si caricano di fiori e sembrano un merletto ricamato da mani di fata: ma poi la pioggia e di nuovo folate di aria gelida...e il merletto si lacera irrimediabimente.
Ieri sulla nostra isola c'era il sole, carezze
volmente caldo; il mio cuore si era rallegrato...infine era ora che la primavera esplodesse in tutto il suo splendore...... oggi di nuovo la pioggia; piove dalla notte scorsa e ancora, e ancora.... e la temperatura si è di nuovo abbassata.
Provo un'immensa tristezza: ricordo, quando ero una ragazzina, la nostra primavera era sempre precoce!
Gennaio all'Elba vedeva giornate di sole favolose e sembrava che l'inverno già fosse finito... qualche volta tornava il mal tempo a Febbraio, anche la neve,come la famosa neve del '56 per esempio; Marzo ci donava le sue giornate pazze.... ma nell'insieme si stava bene, entravamo molto presto nella bella stagione ed era un tripudio di colori e di splendide giornate.
E quante rondini tornavano ogni anno : mi incantavo a guardare i loro voli lieti, a sentire i loro strilli gioiosi...... mi è rimasta l'abitudine di cercarle nel cielo!! all'inizio di Marzo comincio a montare di guardia: scruto l'orizonte con attenzione se le vedo ....ma ogni anno ritardano sempre un po' di più, ed ogni anno sono sempre un po' di meno.
Ho letto in qualche blog che da qualche parte non le vedono più da anni, e questa è una notizia molto triste e allarmante.
Si sa che la rondine ha bisogno di ambienti sani, di certe strutture dove nidificare, di natura incontaminata... e se manca tutto questo loro sono le prime a dare il campanello d'allarme.
So che ci sono iniziative che tendono a proteggere le rondini e con loro, l'ecosistema... spero con tutta me stessa che qualcosa si faccia veramente.

Primavera è malata, e con lei sono malate le rondini e i fiori, ma soprattutto è la terra ad essere malata, molto gravemente, e di questo non possiamo che ringraziare noi stessi.
Voglio pubblicare la citazione che ho trovato nel commento di Cristina: sta perfettamente in questo post, secondo me

"Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto.L'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce pescato,l'ultimo animale libero ucciso.Vi accorgerete che non si può mangiare il denaro".

Orso in piedi
(Sioux)

24 commenti:

  1. è vero ..cara Paola..la primavera è malata..ma non solo quella..purtroppo...
    anche qui ..piove da ieri ..una pioggerellina sottile sottile...che però non ha abbassato la temperatura..ma io amo tanto la pioggia che questo tempo a me non dispiace ..
    un abbraccio..e buon sabato

    RispondiElimina
  2. Ciao Paola,la primavera non è malata è semplicemente incerta,in ritardo,ma vedrai che presto con l'arrivo dell'alta pressione,esploderà con tutta la sua energia.Le primavere passate ci sembrano sempre più belle perchè le guardiamo con gli occhi della nostalgia,ma anche io ricordo inverni tiepidi e poi mal tempo,fino ad aprile,..aspettiamo,non possiamo fare altro.Buon fine settimana.Graziella

    RispondiElimina
  3. che tristezza cara paola, ancora di più sapendo che siamo nproprio noi gli artefici di tale malattia.......non sappiamo proprio quanto male stiamo facendo alla nostra amata natura!!!
    buon WE
    giovanna

    RispondiElimina
  4. Ti capisco mamma Paola, il tuo stato d'animo è anche il mio. Non riesco ad essere completamente serena, manca il sole vero, quello che scalda e tutto fa fiorire, colorando di magia il paesaggio e le nostra vite troppo cariche di grigia tristezza.
    Un bacione e buon fine settimana,
    Ele

    RispondiElimina
  5. Paola sono d'accordo con te.
    Un tempo i vecchietti andavano in Liguria per svernare, ora non è più così...
    Esploderà poi il caldo afoso all'improvviso e si passerà dal cappotto all'abitino estivo, altro che tailleur.

    RispondiElimina
  6. ciao Paola
    il tuo post anche se verietiero è pieno di tristezza e malinconia,per un tempo che è passato e che non ritornerà...E' vero...è l'uomo che ha ridotto la Terra così,lo sappiamo,continuiamo a volere delle cose teconologiche(tv,pc,elettrodomestici,aria condizionata,telefonini....)e poi ci lamentiamo che il pianeta è cambiato.
    Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
    Tu cosa ne pensi?Si può rinunciare a qualcosa?
    Felice sabato e un bacio Lyu

    RispondiElimina
  7. Cara Paola quanta verità hai manifestato nel tuo scritto...
    Le stagioni sono malate e tutti sopportiamo questa malattia che noi le l'abbiamo fatta venire.
    Tra Non molto incominceranno quei giorni caldi e afosi che noi anziani ci faranno molto soffrire, purtroppo questa è la vita! accettiamola con rassegnazione e tutto sarà più facile.
    Buona domenica con un forte abbraccio. Tomaso

    RispondiElimina
  8. Verissimo... tutto questo lo dobbiamo solo a noi stessi!!!
    Ed è pazzesco come l'uomo con le proprie mani riesca a distruggere un ecosistema così naturale ed indispensabile!!!
    Ci rimane solo la speranza in un cambiamento repentino... :-(((
    Ciao Paola grazie della visita sempre gradita... con un abbraccio ti lascio un allegro fine settimana... baciotti!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Paola ,purtroppo l'essere umano è l'artefice di questi cambiamenti in negativo.Speriamo che riuscirà a capire di rispettare la natura e le sue opere;ma dubito veramente molto.Ti auguro anche a te e la tua famiglia,un buon fine settimana,saluti a presto

    RispondiElimina
  10. oggi ho visto le rondini...ed amo la primavera anche se mi porta una certa malinconia più dell'inverno...sarò forse io?baci buon week end

    RispondiElimina
  11. ciao paola...
    ad essere malato è anche il nostro cuore
    avrebbe bisogno del sole e dei colori per ridare il senso della vita...
    non so cosa c'è in questa primavera, ma molti sono i cuori malati
    speriamo nel sole

    RispondiElimina
  12. scusa se non ti ho risposto prima , è vero quello che dici , per me l'indifferenza rende arida la gente e il cuore glielo congela ....grazie mille del tuo commento sei sempre la benvenuta nel mio blogghetto ciaooooooooooo Marianna

    RispondiElimina
  13. Ciao..Si,hai ragione non ho ancora visto delle belle giornate come succedeva una volta, c'è sempre aria fredda e il mio giardino è terribilmente indietro.
    Speriamo cambi in meglio! Ciao Paola,buon weekend a Te e Famiglia.

    RispondiElimina
  14. Ciao Paola, grazie per i complimenti per il mio nuovo vestitino, Alexia è la fatina del mio blog questo è il 2° sfondo che crea per me è un vero tesoro.Sono così tristi e malinconiche le tue parole,leggendo il tuo post ho sentito un tuffo al cuore ,è vero non ci sono più le rondini la primavera è così lontana da quello che era negli anni passati.Stiamo avvelenando la nostra terra e pensare che basterebbe così poco per fermare questo sfacelo...Ti lascio una citazione:Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto.L'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce pescato,l'ultimo animale libero ucciso.Vi accorgerete che il denaro non si può mangiare il denaro.
    Orso in piedi (Sioux)
    Ti auguro un buon fine settimana cara Paola e dimenticavo la tua miciona è bellissima coccolosa e tenera.
    A presto un bacio Cri

    RispondiElimina
  15. Ciao Paola, anche a me dispiace che la Primavera non riesca ancora a prendere quota come si deve.
    Qualche giorno fa ho visto le prime rondini, forse sono solo le avanguardie aspettando le altre...
    Ho sentito che stanno diminuendo di numero perchè non riescono più a nutrirsi con sufficienza, gli insetti di cui vanno a caccia scarseggiano per l'inquinamento ambientale, e questa è esclusivamente colpa nostra!
    Ti auguro una serena domenica con un forte abbraccio, e...senza pioggia!

    RispondiElimina
  16. Paola.
    Bei tempi i nostri quando si cantava: Svegliati bambini è arrivata la primavera e cccc.

    Ogni anno e sempre così, piove e fa anche freddino , ho rimesso il piumone che avevo messo da parte , aspettavo tanto la primavera .
    Ma in effetti tutti si lamentono per i fastidi che porta con se perchè il nostro fisico risente del cambiamento climatico ,come ad esempio il calore ,la luce, facendoci sentire spossati,sonnolenti con sbalzi d umore , ma per fortuna , essendo una macchina perfetta in breve tempo si adatta alla nuova situazione, e cosi quando arriva l estate siamo nuovamente in forma...
    BUONA NOTTE PAOLA E BUONA DOMENICA
    LINA

    RispondiElimina
  17. La terra si è ammalata, perchè l'uomo non sa più curarla...
    nella mia vecchia casa (l'ho cambiata due anni fa) le rondini venivano sempre sul mio balcone a fare il nido. Era un bellissimo appuntamento ogni anno.
    Cara Paola, grazie della tua visitina,mi ha fatto tanto tanto piacere!
    Un saluto al tuo gatto!!!

    RispondiElimina
  18. Si, è una primavera ammalata di nostalgia per qualcosa che non tornerà più....a causa dell'uomo.
    E' davvero molto triste tutto questo.

    RispondiElimina
  19. è vero. dici bene. anche da me le piante un giorno sembrano sbocciare perché l'aria si riscalda, mentre il successivo fa freddo e i boccioli seccano prima di sbocciare... speriamo che si stabilizzi un po'. infatti anche le persone come fiori sono ancora decimate da forme di inflienze virali perché gli sbalzi fra un giorno ed il seguente non fanno bene nemmeno a noi...
    buon inizio settimana
    ^_____________^

    RispondiElimina
  20. Cara Paola, questo post, è un canto alla primavera, che pare, sia sparita dalla scena.
    Ho riletto due volte questo tuo scritto.
    Non devo aggiungere niente a quello che tu hai cosi ben detto.

    Solo una cosa, voglio dire...di chiunque sia la colpa, una cosa è certa, che noi siamo solo le vittime di un sistema più grande di noi.

    Prima o poi la natura saprà come fare per difendersi, i deboli siamo noi, noi tutti, abitanti di questo pianeta, ogni specie è afflitta da un decorso che non sappiamo più come fermare.

    Buona settimana.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  21. ***Lore: quasi mi avesse sentito qualcuno= da ieri c'è il sole, ed è caldo!sono contenta, ma sono ancora indecisa se è la volta buona...ho sempre la paura che ricominci a fare mal tempo: anche a me, talvolta piace la pioggia, specie quando è sottile e legia legia! ma a primavera, dopo l'inverno che abbiamo avuto, vorrei vedere sempre il sole e sentire una temperatura mite. Un abbraccio a te

    ***Gabe: coem vedi dai commenti dopo il tuo, non sono la sola a provare questa sensazione....che la primavera sia malata! le primavere della mia gioventù erano tutt'altra cosa! più belle nonsolo perché ero più giovane, ma per ben altri motivi che ho specificato anche nel mio post. Comunque, speriamo che il maltempo per un po' non torni a sciupare tutto. Ciao, grazie di essere venuta, a presto!

    ***Giovanna: certo, la nostra tristezza è ancora più forte perché siamo pressoché impotenti riguardo allo scempio oramai fatto.Che dsio ce la mandi buona.
    Un bacione

    ***Alexia: è così, cara Elena, non riesco ad essere serena come vorrei..ed ho invece una voglia sovrumana di sole e tempo buono ogni giorno; solo così mi sento più energia e voglia di fare.
    Ciao cara, tanti baci

    ***Stella: mi ricordo il fatto degli anziani che svernavano a Spotorno; me ne parlava sempre la mia "zia"! ora, poveretti non possono avere quel conforto, non più!Poi arriverà il caldo improvviso...e anche questo non è indice di buona salute del nostro pianeta. Cara Gianna, dobbiamo accontentarci e sopportare, ma ciò non toglie che sono immensamente triste. Un bacione

    ***Zucchero e Cannella: alla domanda che mi fai è molto difficile trovare una risposta! a cosa si può rinunciare? siamo talmente circondati da mille comodità che sfido chiunque a sapervi rinnciare a cuor leggero. Ma, con un po' di buona volontà di certe cose si potrebbe almeno ridurre un poco l'uso: a cominciare dalla corrente elettrica, alla Tv, al cellulare, alla macchina e così via... non tutti abusano di certe cose, bisognerebbe convincere anche chi invece abusa e non fa niente per modificare i propri comportamenti.
    Ciao LU, tanti baci

    ***Tomaso: hai ragione, l'unca via di uscita forse è "sopportare"! anche se non è facile...io non sopporto il freddo e tu non sopporti il caldo!!!! confortiamoci a vicenda, vediamo cosa ne sorte fuori^___^ Ti abbraccio

    ***Paola: sai io ci spero tanto in un cambiamento, perché mi continuo a ripetere che l'uomo, animale pensante, non può continuare a distruggere tutto quello su cui mette mani! prima o poi dovrà fermarsi..ebbene, speriamo che ciò avvenga presto- Ciao, bacioni

    ***Cavaliere: il tuo dubbio non è di conforto, ma lo capisco perfettamente! come dice il proverbio"Il buon giorno si vede dal mattino!" ma continuaiamo a sperare. Diamogli fiducia a questo "homo sapiens"
    Un carissimo saluto a te e famiglia

    ***Cielo: carissima, sento che hai visto le rondinelle! il fatto che la primavera ti dia malinconia.. beh, non sei la sola! conosco altre persone che stanno più serene d'inverno; penso sia questione di carattere.
    Un bacione, a presto

    RispondiElimina
  22. ***Paola Moro:cara omonima, sì, il nostro cuore è quello che ne risente di più! almeno per alcuni è così, perché ci sembra che con il sole si vive meglio, e la vita ci sorride...dovremmo far meno caso al fatto se c'è o meno il sole; ma io non ci riesco! e a quanto capisco neppure tu.
    Bacioni

    ***Marianna: non ti devi preoccupare, uno risponde quando e come può! anche tu sei sempre la benvenuta, ospiterti è un piacere.Ciao cara, a presto

    ***Adamus:caro amico mio, anche il mio giardino è indietro! siamo stati obbligati a trascurarlo ed ora è peggio per noi: si dovrà faticare di più, specialmente se poi arriva il caldo tutto inseme e ci sarà anche l'urgenza di annaffiare!!! meglio non ci pensi..speriamo in bene.
    Un caro saluto a te e famiglia

    ***Cristina: mia cara nuova amica, sì Alexia è una fatina buona..fra lei e Azzurra, tutti i blogger sono pluri-coccolati.
    Anche per il mio 2° blog Alexia ha fatto un vestitino nuovo.
    Il tuo commento mi piace per la sensibilità che vi traspare e, la tua citazione l'ho aggiunta al mio post! ci sta benissimo.. Grazie, anche da parte di Pallina.
    Bacio

    ***Sirio: infatti, caro amico, le rondin diminuiscono perché non trovano più di che nutrirsi e meno posti dove nidificare... erano così belli i loro voli, ci davano una gioia sublime! ci vuole pazienza e fiducia in un domani migliore.
    Un abbraccio

    ***Lina: mia cara,che bello vero? qiando le nostre mamme a primavera aprivano le finestre e liete iniziavano le grandi pulizie!!! io risento moltissimo di quell'aria fresca che c'è ancora la sera... sai gli acciacchi ci sono, eccome!!! ma non lo diciamo a nessuno, altrimenti pensano che sono vecchiettina.
    Ma arriverà l'estate, altroché!!
    Un bacio grande

    ***Janas: sono tanto felice di rivederti che fai capolino dalla tua finestrella! Anch'io nella mia casa di campagna avevo le rondini che ogni anno faceano il loro nido: sono già 2 anni che invece non ci vengono più. Mi dispiace moltissimo.
    Spero che presto ci rivedremo: ti saluta anche Pallina. Un bacio

    ***Serenella: la nostalgia è immensa, appunto perché pensiamo che non torneranno mai più le belle primavere di un tempo. é triste, moltissimo!
    Ti saluto caramente con un abbraccio

    ***Pupottina: sono lieta di vedere anche te! spero che i tuoi problemi si siano risolti, o stiano per esserlo. Sono tristi, sì, i nostri giardini; i fiori incerti sotto un sole mendace .. e noi , fra una tosse e un raffreddore, con o senza febbre.... stiamo a guardare, tristi e inermi difronte a qualcosa più grande di noi.
    Un abbraccio

    ***Rosy: è giusto quanto affermi! noi usciremo con le ossa rotte da tutto questo ! la natura saprà come fare, e noi saremo succubi della sua rivolta.
    Speriamo in qualcosa di buono.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Anche qua, dallo scorso anno, le rondini non tornano più nel nido (se non per far pausa durante qualche svolazzata pomeridiana)del portico... era, credo, da prima che nascessi che ogni anno vi facevano nascere nuovi piccoletti piumati!
    In compenso ne ho incontrate tante durante una passeggiata su una montagna delle prealpi varesine, dove proprio non mi aspettavo di trovarle... eh sì, mi sa che lì c'è aria più sana che sulla mia collina, anche se non è molto lontana!

    RispondiElimina
  24. AnnaB: quando avevo i miei ragazzi piccoli, trascorrevamo settembre nella casa in campagna, ed era uno spettacolo, verso la fine del mese, vdere le rondini tutte bene ordinate su i fili della luce: quante erano! una cosa incredibile.. e i miei bimbi le guardavano curiosi: una o due false partenze e poi, improvvisamente sparivano tutte insieme per andare verso altri lidi. Ora anche quesa cosa non accade più..
    Ciao cara amica, a presto.

    RispondiElimina

Sono felice di accogliere chi mi porta un sorriso o anche un semplice "ciao": è sempre il benvenuto nel mio "Mondo"....
Se qualcuno non è registrato e vuol lasciarmi un suo commento...basta che, una volta scritto quanto desidera dire e una volta che si è firmato, clicchi su anonimo e poi su PUBBLICA ...

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.